Propensione all'imprenditoria

Home >> Ricerca >> Propensione all'imprenditoria

L’obiettivo di questa linea di ricerca è quello di analizzare, attraverso l’analisi dei diversi profili imprenditoriali:

  • quali sono le caratteristiche – personali (attitudini, motivazioni, propensione al rischio, ecc.); strutturali (facilità di accesso al credito, possibilità di creare network, tradizione imprenditoriale familiare e/o territoriale, ecc.); curriculari (percorso di studio, tirocini, training, esperienze formative integrative, ecc.) – che facilitano la propensione imprenditoriale;
  • qual è il peso di questi diversi fattori per capire in che modo sviluppare al meglio i profili formativi.

 

In Italia

Tasso di nuova imprenitorialità (TEA)

Anno

Tasso

Rank

2017

4,3%

51/54

2016

4,4%

65/65

2015

4,9%

56/60

2014

4,4%

n.a.

2013

3,4%

n.a.

 

Fonte: GEM (2017/2018)

Percezione delle opportunità imprenditoriali in Italia

Il 28.8% della popolazione percepisce buone opportunità per avviare un’impresa nell’area in cui vive.

L’Italia si colloca al 46° posto su 54 Paesi analizzati.

 

Percezione delle capacità imprenditoriali

Il 30.4% della popolazione ritiene di avere skills e competenze per avviare un’impresa.

L’Italia si colloca al 51° posto su 54 Paesi analizzati.

 

Paura di fallire

Il 49.4% della popolazione, pur percependo buone opportunità per avviare un’impresa, evidenzia che la paura di fallire blocca il processo imprenditoriale.

L’Italia si colloca al 6° posto su 54 Paesi analizzati.

 

Intenzione a intraprendere un’attività imprenditoriale

Il 10.3% della popolazione prevede di dar vita ad una nuova attività imprenditoriale nei prossimi 3 anni.

L’Italia si colloca al 42° posto su 54 Paesi analizzati.

Fonte: GEM (2017/2018)